domenica 9 marzo 2014

Il mondo all'incontrario

É proprio un paese all'incontrario quello in cui le automobili parcheggiano sul marciapiede e i pedoni sono costretti a camminare nella strada per poter passare. É proprio un paese all'incontrario quello in cui se lo fai notare al proprietario di una di quelle auto, che stai andando in mezzo alla strada con un bambino di 2 anni e uno di 5 con monopattino al seguito, ti tratta come se fossi una pazza, ti dice che é colpa tua perché sei tu che dovevi passare sul marciapiedi di fronte. Certo come mi é venuto in mente di usare quel marciapiedi, in fondo se l'altro é molto stretto e in 3 non ci si sta a meno di stare in fila indiana (con 2 bambini, di cui uno che ha da poco smesso il passeggino, e un monopattino), se ha diversi attraversamenti con strisce pedonali scomode o assenti, e comunque se non avevo voglia di attraversare per passare dall'altra parte (con 2 bambini e un monopattino, in una strada in cui le macchine sfrecciano e non guardano in faccia a nessuno) non appena mi ero accorta che il marciapiedi era occupato, il problema é solo mio. E non é il caso di aspettarsi delle scuse, da quella persona, una giustificazione del tipo "mi spiace, mi sono fermato solo pochi secondi, vado subito via", che magari é falsa ma almeno non fai la figura del cafone, fai finta di vergognarti almeno un po'. No, perché il torto é mio, sono io che pretendo che il marciapiedi non sia un parcheggio, in fondo lo fanno tutti, e che ci vuole a capire che si può usare il marciapiedi di fronte? Del resto anche i vigili vengono una volta tanto, fanno qualche multa a pochi sfortunati, e poi non si vedono più per mesi. Lo sanno tutti che lí si parcheggia, c'é poco da lamentarsi. É davvero troppo chiedere di poter portare i miei figli al parco giochi la domenica mattina, senza dover compiere un percorso ad ostacoli.














- Posted using BlogPress from my iPad

1 commento:

  1. io impreco talmente tanto contro quelli che parcheggiano sui marciapiedi,,in prossimità, se non addirittura sopra, delle strisce pedonali che mia figlia di tre anni quando passeggiamo non fa che dire "guarda mamma, una macchina su marciapiede, non deve stare lì, è proprio maleducato quel signore di quella macchina!"...
    è una giungla, son d'accordo. e lo so bene perchè io giro come te, con la bimba di tre anni sul monopattino e il bimbo di due anni a piedi.
    solidarietà!

    RispondiElimina

Le discussioni mi piacciono: dimmi come la pensi. I commenti anonimi però non sono accettati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari