martedì 12 marzo 2013

Gli italiani e la scienza

Nel 2005 gli italiani decisero che non era affar loro la ricerca su cellule staminali embrionali, e preferirono che fallisse un referendum che la avrebbe permessa.
Nel 2013 gli italiani si indignano contro il ministro della salute che ha interrotto una cura "compassionevole", di dubbia efficacia, con cellule staminali a una bambina di 3 anni, malata di una malattia per cui attualmente non esiste cura. 

Nel 2012 gli italiani esultarono alla notizia dell sequestro di Green Hill, e tutti condividevano su Facebook frasi di disprezzo per la sperimentazione animale. 
Nel 2013 le stesse persone condividono su Facebook richieste di sperimentare su una bambina una terapia messa a punto da un professore di "psicologia della comunicazione", laureato in lettere, presidente di una fondazione che è sotto inchiesta e sulla quale l'ispezione dei NAS ha rilevato diverse irregolarità. Per approfondire leggere questo post di MedBunker.

Il 25 febbraio 2013 i Grillini sono il primo partito italiano.

Il 4 marzo 2013 Città della Scienza brucia in un incendio che sembra essere di origine dolosa.


7 commenti:

  1. Mi sono reso conto che quando diamo un volto e un nome a un problema, come nel caso della bambina, si innescano dei meccanismi psicologici per i quali la razionalità, alla base della scienza, passa in secondo piano a favore dell’emotività.

    Per quanto riguarda i “movimenti” di FB, in realtà si tratta solo di condivisioni di notizie che quasi nessuno approfondisce, molte volte ci si ferma al titolo, o clic su “Mi piace”. L’ho già sostenuto in un mio post, molte volte non passano molti pensieri nella testa tra la lettura di un titolo e il movimento del dito sul tasto del mouse per un clic sul “mi piace”.

    Purtroppo negli ultimi anni, l’emotività del momento sta condizionando molto le scelte in tanti campi. E proprio le campagne elettorali e i discorsi dei politici puntano praticamente sempre all’emotività, alla “pancia” delle persone, più che al ragionamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai, proprio oggi su questa vicenda mi è venuto in mente un paragone - sempre molto brutto e doloroso - ma che forse può rendere l'idea. quando eravamo piccoli si sentivano spesso notizie di rapimenti, e molto spesso le vittime erano bambini, figli di famiglie molto ricche. erano vicende che mi colpivano molto, credo che un po' tutti all'epoca abbiamo avuto paura che potesse capitare anche a noi. la prassi era che si bloccassero i beni della famiglia, in modo da impedire loro di pagare il riscatto, di assecondare le richieste di quei criminali. tutto questo per scoraggiare altri criminali, per interrompere il circolo vizioso, e per far si che la polizia potesse lavorare senza intralci. ovviamente se io fossi la madre di un bambino rapito vorrei dare agli aguzzini di mio figlio tutto ciò che mi chiedono e anche di più, pur di farmelo restituire sano e salvo. è un discorso molto brutto, mi vengono i brividi e la nausea solo a pensarci. ma se vogliamo è la stessa cosa. qui parliamo di terapie mai verificate scientificamente, di laboratori in pessimo stato, di sostanze tossiche e cellule conservate male. parliamo di persone che aggirano le regole della ricerca, oltre che le normative. lasciare che dei bambini senza speranza accedano a queste cure vuol dire aprirgli la strada, e aprirla a tutti i ciarlatani. vuol dire offendere il lavoro di tutti quei ricercatori che per stipendi da fame lavorano anni e anni, spesso giorno e notte, per seguire un'idea e testarla, studiarla, rispettando normative e procedure. vuol dire alimentare false speranze in chi purtroppo vive queste tragedie. vuol dire anche dare importanza a chi in televisione spettacolarizza il dolore di queste famiglie. cosa che io trovo disonesta e disgustosa tanto quanto chi spaccia per "scientifiche" cure che di scientifico hanno solo il nome altisonante.

      Elimina
  2. hai ragione
    è desolante

    RispondiElimina
  3. Non ho capito il nesso tra le ultime due cose del post...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i grillini credono a tutte le bufale pseudoscientifiche che fin'ora sono circolate, dalla biowashball alla correlazione fra vaccini e autismo, dai microchip sottocutanei all'AIDS che non esiste, fino addirittura a dire che con il cancro si può convivere e che gli screening e le cure sono pilotati dalle multinazionali ma in realtà se ne potrebbe fare a meno. fatti un giro su youtube se non ci credi. Grillo in alcuni spettacoli si è persino permesso di offendere la Montalcini. sul suo blog, che io seguo da anni, sono comparse spesso e volentieri teorie complottiste antiscientifiche, tutte ovviamente autoreferenziate (oppure le referenze erano video di youtube non meglio documentati). tanto per restare in tema con l'argomento del post, Grillo ha più volte appoggiato la terapia Di Bella (oltre che Giuliani per quanto riguarda i terremoti...) e non so se hai seguito la vicenda di Le Scienze sulle 10 domande, e in particolare quella sulla sperimentazione animale.
      L'incendio di Città della Scienza è per me, ma non solo per me, il simbolo della decadenza culturale e scientifica di questo paese.

      Elimina
    2. ah, quindi è un legame più "spirituale" che altro. Credevo ci fosse qualcos'altro che non sapevo.

      Il blog di Grillo non l'ho mai letto e non ho intenzione di cominciare adesso :)

      Elimina
    3. si è come se fosse una coincidenza nefasta... non so come dire, credo che mi hai capita...
      io invece ho la capacità di farmi del male da sola, questi blog me li vado proprio a cercare. no, sono anni che lo seguo perchè ho sempre temuto la pericolosità di certe persone e movimenti... siccome per giudicare mi piace - quando posso - andare alle fonti... i video su youtube contro la scienza però non sono mai riuscita a guardarli fino in fondo, non avevo lo stomaco abbastanza forte ma quello che ho sentito mi è bastato. e io queste cos ele dico da anni, mentre tutti mi dicevano "si vabbè ma che sarà mai, che potrà fare..." oppure "si mi sta antipatico Grillo ma fra tante cavolate dice anche cose giuste". ecco, ora queste persone amministrano il nostro SSN.

      Elimina

Le discussioni mi piacciono: dimmi come la pensi. I commenti anonimi però non sono accettati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari