giovedì 6 dicembre 2012

Quest'anno i regalini li compro all'Unicef Shop!


Tempo di preparativi, miliardi di cose da fare, regali e regalini da comprare prima di partire. Con 2 bambini andare in giro per negozi non è banale, e mentre si incastrano tutti gli impegni e si cerca di ritagliare almeno un pomeriggio libero in città per me e il maritino, lo shopping online ci viene in aiuto. Ormai facciamo ordini di tutti i tipi, dai DVD ai giocattoli agli elettrodomestici e anche abbigliamento. Esclusi i regali più importanti, quelli per i parenti più stretti, ogni anno si tratta di comprare un certo numero di oggettini/pensierini/giocattolini per gli amici/cugini/zietti che mediamente sono poco costosi (se dovessi spendere tanto per ciascuno di loro non mi basterebbe la tredicesima), carini ma un po' insignificanti o inutili, comprati tutti nello stesso negozio per fare prima, e in numero indefinito perchè non si sa mai chi si riuscirà a vedere e chi no in quei caotici giorni di festa. Generalmente faccio una stima per eccesso del numero di regali per fascia di età, e quelli che avanzano tornano utili per compleanni/feste successive o addirittura per il natale dell'anno dopo. Avendo esaurito i negozi (non è che si può andare ogni anno nello stesso...) quest'anno ero un po' in crisi, e ho avuto l'illuminazione: i regali dellUnicef!
Sono davvero molto belli, di vario tipo, e la beneficenza che si fa nell'acquistarli giustifica il fatto che sia solo "un pensierino". In fondo se devo spendere un bel po' di soldi in acquisti inutili o l'ennesimo giocattolo che quel bambino riceverà sotto le feste... che servano almeno per aiutare chi ha bisogno! Così oggi in 5 minuti ho scelto puzzle, libri di stoffa, tazze, strofinacci e candele natalizie (a iosa), un braccialetto di vetro e resine molto bellino per la mia amica del cuore. Che poi diciamola tutta, al giorno d'oggi di chincaglierie e oggettini davvero siamo pieni e non ne abbiamo bisogno. I regali si fanno per tradizione e per dimostrarsi affetto l'un l'altro: l'idea che ci sia davvero "il pensiero" che conta dietro li rende comunque speciali indipendentemente dal loro valore.

lunedì 3 dicembre 2012

1044 perchè

Il 2 dicembre di 41 anni fa il Senato approvò la legge 1044 avviando le politiche nazionali a beneficio della prima infanzia. Il GruppoNazionale di Studio Nidi - Infanzia, un’associazione che vuole offrire occasioni di incontro e discussione tra persone che operano nel settore dell’educazione della prima infanzia attorno ai temi della vita e della condizione sociale dei bambini piccoli, della cura ed educazione nella prima infanzia, della qualità e delle prospettive delle scuole e dei servizi per l’infanzia, ha indetto una serie di iniziative per riportare i bambini al centro delle politiche e rilanciare un piano nazionale per i nidi e la scuola dell’infanzia. Nella mia città oggi si terrà un girotondo a cui noi genitori parteciperemo insieme alle educatrici e ai nostri bimbi in passeggino.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari