giovedì 25 novembre 2010

Giornata contro la violenza sulle donne

Oggi è la giornata contro la violenza sulle donne. Sull'argomento hanno scritto in tante e tanti, e cito qui alcuni links:

- Un altro genere di comunicazione: Quando il mostro è in famiglia

Quello che è mi piacerebbe sottolineare è che la violenza sulle donne si esprime in diversi modi, spesso sottili e poco riconoscibili. La cosa su cui bisogna mettere l'accento è che nella maggiorparte dei casi avviene fra le mura domestiche o comunque da parte di persone che conoscono la vittima. Chissà quante volte il peggio si sarebbe potuto evitare: queste persone fanno leva sulle debolezze, sulle situazioni, sul fatto che difficilmente le loro vittime troveranno il coraggio di parlare perchè si sentono minacciate, o semplicemente temono di non essere credute, o di essere giudicate come 'esagerate'. Se un'amica, una collega, una figlia o sorella, o qualunque altra donna vi manifestasse che ha attenzioni morbose da parte di un uomo, che è preoccupata ed angosciata per questo, non sottovalutate quello che vi sta dicendo. Piuttosto datele appoggio, perchè è l'unico modo per porre un freno a queste persone.

3 commenti:

  1. e aggiungerei soprattutto spingetele e se necessario, offritevi di accompagnarle da carabinieri o polizia a denunciare..per fortuna oggi anche lo stalking è reato...se io avesi avuto qualcuno che mi avesse incoraggiato a denunciare...forse l'avrei fatto...quindi siamo un aiuto le une x le altre e soprattutto donne NN PENSATE DI CAMBIARE GLI UOMINI CHE VI MALTRATTANO..NON SPETTA A VOI E SOPRATTUTTO NON CAMBIANO!!!

    RispondiElimina
  2. vero Cosmic, spesso è un familiare che sfrutta anche il senso di vergogna e di colpa che immediatamente scatta nella vittima.
    Molte donne non trovano la forza di ribellarsi a un uomo che le picchia, sperano in un cambiamento, altre addirittura arrivano anche a credere di meritarlo, perchè se il proprio uomo, l'uomo che amano, fa loro del male, non possono accettare che sia senza motivo...
    Le implicazioni psicologiche sono molteplici...l'importante è non smettere di parlare, di parlarne.

    RispondiElimina
  3. hai ragione.. queste persone sono molto sole e quando cercano aiuto a volte non lo trovano.... o peggio ancora si colpevolizzano per ciò che subiscono...

    RispondiElimina

Le discussioni mi piacciono: dimmi come la pensi. I commenti anonimi però non sono accettati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari