venerdì 30 aprile 2010

primo maggio

Ho voglia di fare una gita: di gustarmi la primavera scoprendo un posto nuovo, un paese, un panorama; di scattare fotografie, di cercare un ristorante, sedermi all'aperto e mangiare qualcosa di buono. Ho voglia di passare la giornata in modo diverso dal solito con la mia famiglia; di distrarmi, di respirare il sole e la luce. Ho voglia di passeggiare e di comprare un gelato; di infilarmi in una stradina stretta e scoprire una piazza; di scegliere un CD da ascoltare durante il viaggio e cantarne le canzoni; di lasciare a casa la stanchezza.
Domani è primo maggio. Domani voglio fare una gita!

lunedì 26 aprile 2010

Cambio di stagione

Finalmente è primavera davvero. le belle giornate sono sempre più frequenti e quando c'è il sole fa anche caldo. A questo punto diventa urgente FARE ORDINE nell'armadio. Sono settimane che il caos ha raggiunto livellli raccapriccianti. montagne di maglioni pesanti appallottolati e le poche cose più leggere che avrei a portata di mano non riesco a trovarle, mimetizzate in quella confusione. Ogni mattina quando devo vestirmi non so cosa mettere - eppure l'armadio è pieno - e mi ripropongo di mettere assolutamente tutto in ordine, buttare via le cose vecchie che non metto più e fare il cambio di stagione nel weekend. Puntualmente quando arriva il weekend rimando a quello successivo. Tutta la mia vita è come il mio armadio. Tante cose da sistemare, tante cose rimandate e mai portate a termine. Il tempo non basta mai. E un bel giorno ti accorgi che è primavera e non puoi continuare a vestire invernale. Che le piante secche vanno sostituite, altre rinvasate e concimate, mentre tu a mala pena ti ricordi di innaffiarle, e neanche tutte le settimane. Che i capelli sono cresciuti troppo, sono inguardabili e dovresti andare dal parrucchiere. "Ci vado sabato prossimo... ma no sabato prossimo è Primo Maggio!", che sfiga.
Ma come si fa? La mia giornata sembra una catena di montaggio: lavoro, spesa, prendi bimbo all'asilo, portalo al parco giochi se è bel tempo, fallo giocare a casa se è brutto, cucina, cena, bagnetto, nanna. La sera sembra più che è lui a portare a nanna me piuttosto che il contrario. E nel fine settimana è bello stare tutti insieme, uscire, riposare un pò... alla fine però l'armadio è sempre lì, e le piante secche anche. Quasi quasi inizio a sperare che sabato prossimo, dal momento che un primo maggio di sabato è quanto di più sfigato possa capitare (non solo hai un giorno di vacanza in meno, ma non puoi neanche sfruttare l'unico giorno della settimana in cui potevi andare a comprare qualcosa), piova, così è la volta buona che rimetto ordine nell'armadio e nella mia vita.

giovedì 22 aprile 2010

Tanti Auguri, Rita!


Oggi Rita Levi Montalcini compie 101 anni.
Per festeggiarla, è stata organizzata una diretta online "a rete unificata", alle ore 21.00, sul sito http://www.rita101.tv/
Rita Levi Montalcini è una scienziata e senatrice italiana. È stata insignita del premio Nobel per la medicina nel 1986 e nominata senatrice a vita nel 2001 dal presidente Carlo Azeglio Ciampi.
Tanti auguri a una donna eccezionale, un esempio per tutte le donne che hanno intrapreso, o vorrebbero, una carriera scientifica. Una donna con una grande classe, che ci dimostra che si può essere belle, eleganti e femminili anche dopo tanti anni di studio, dopo tanti anni di lavoro in laboratorio, dopo un premio Nobel, e dopo aver compiuto 101 anni.

mercoledì 21 aprile 2010

Dorothy Height R.I.P.

E' morta all'età di 98 anni Dorothy Height, protagonista del movimento per i diritti civili degli afroamericani, in particolare in favore delle donne della comunità nera. Leggo su Wikipedia che è stata ammessa al Barnard College nel 1929, ma una volta lì le fu negato l'ingresso perchè la scuola aveva la politica di ammettere solo due studenti neri per anno. Riesce comunque a studiare alla New York University, laureandosi nel 1932, e prendendo un master in psicologia didattica nell'anno seguente. Lavorò come assistente sociale con il New York City Welfare Department e all'età di 25 anni iniziò una carriera come attivista dei diritti civili unendosi al National Council of Negro Women. Nel 1957 ne diventò presidente, mantenendo questa nomina fino al 1997. Nel culmine dei movimenti per i diritti civili degli anni '60, Height organizza "Wednesdays in Mississippi", che riunisce donne bianche e nere dal Nord al Sud degli Stati Uniti per creare un dialogo di comprensione reciproca. Leaders americani hanno seguito spesso i suoi consigli, fra cui la First Lady Eleanor Roosevelt; incoraggiò il presidente Dwight D. Eisenhower a desegregare le scuole, ed il presidente Lyndon B. Johnson a nominare donne Afroamericane in posizioni di governo. E' stata inoltre consulente del Segretario di Stato per gli affari Africani, ha fatto parte del President's Committee on the Employment of the Handicapped, e del President's Committee on the Status of Women. Nel 1974, Height fu nominata nel National Council for the Protection of Human Subjects of Biomedical and Behavioral Research, che pubblicò The Belmont Report, risposta all'infamante "Tuskegee Syphillis Study" e importante riferimento etico a livello internazionale per i ricercatori di oggi.
Nel 2005 debuttò il musical "If This Hat Could Talk", basato sulle sue memorie "Open Wide The Freedom Gates".

Sulla homepage di Repubblica sono riportate alcune belle foto. Il ritratto riportato sopra l'ho trovato sul sito The Gandhi-King Community

venerdì 16 aprile 2010

ricerca di lavoro

esiste qualcuno che abbia trovato lavoro con uno di quei motori di ricerca online, o siti di ricerca di lavoro?
se esiste mi piacerebbe tanto conoscerlo!
no perchè io sarà più di un anno che li consulto spesso, in particolare guardo giornalmente le pagine dedicate al lavoro di Repubblica e Corriere e spesso mi "candido all'offerta", come dicono loro.
mi fosse mai arrivata una risposta. ma neanche una di quelle risposte automatiche del tipo "grazie di esserti candidato e ti contatteremo nel caso il tuo curriculum fosse attinente". non mi aspetto di essere davvero contattata, ma almeno che qualche volta ti dicano che l'offerta di lavoro esiste davvero e che il tuo curriculum è arrivato a qualcuno, anche se poi non lo leggerà nessuno.

giovedì 15 aprile 2010

Venus

Lo spettacolo è stato molto bello. L'argomento attualissimo, l'opposizione fra amore sacro e profano, e la redenzione tramite l'amore. Venere che seduce Tannhäuser e lo trattiene nel Venusberg, lui però vuole tornare nel mondo normale, ma poi una volta lì elogia l'amore carnale. Il Papa che nega l'assoluzione a Tannhäuser e Elisabeth che alla fine lo redime con la sua stessa morte. Però istintivamente Venere ci sta simpatica, mentre Elisabeth è noiosa e scialba. E durante la gara canora viene da tifare per Tannhäuser, che canta l'amore carnale, piuttosto che per gli altri che cantano l'amore puro.
La cantante che interpretava Venere mi è piaciuta molto, si chiama Andrea Baker, e questa è la sua homepage (anche la foto è presa dalla homepage).
E' stata una bella serata, da ripetere... ci sto prendendo gusto!

mercoledì 14 aprile 2010

Tannhäuser

Stasera finalmente esco con un'amica, il mio bimbo resta a casa con il papà... è la prima volta che succede da quando è nato, e cioè da quando è iniziata la mia nuova vita... e neanche ricordo quando sia stata l'ultima volta che sono uscita per andare da qualche parte con un'amica!
Andiamo all'Opera, a vedere Thannauser di Wagner. Non sono un'esperta di Opera, e si potrebbe pensare che come prima volta si poteva scegliere qualcosa di più 'leggero'... ma c'era questa occasione e l'ho colta volentieri. sono molto contenta, cercherò di mettere qualcosa di carino. Penso anche che per i miei uomini sarà bello passare una serata per conto loro.

martedì 13 aprile 2010

per cominciare

non so se avrò la costanza di seguire ed aggiornare questo blog.
so solo che mi sono stufata di essere sempre appesa a un filo, di non poter fare il lavoro per cui ho studiato (tanto) e che mi appassiona.
mi sono stufata di sentire che il mio ruolo di madre non solo non è riconosciuto come un merito, ma anzi è umiliato e mi penalizza.
mi sono stufata di vivere in un paese in cui quei diritti che dovrebbero essere scontati per tutte le donne, sono in realtà privilegi per poche, e soprattutto non spettano quasi mai a donne con un elevato titolo di studio.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari